Claudio Chieffo (1982)

È il secondo album che Claudio incide per i “Dischi dell’Ippopotamo” nell’estate del 1982 presso lo studio di registrazione “Il cortile” di Milano ed è il naturale completamento di una serie di concerti dal vivo tenuti nell’estate del 1981, tra cui un paio all’Auditorium “S. Fedele” a Milano ed un altro denominato “Il canto e la vita” al Meeting di Rimini, in cui Chieffo canta e suona accompagnato da alcuni componenti della “nuova” “Signora Stracciona”, guidata da Stefano Dall’Ora, contrabbassista virtuoso, e da altri bravi musicisti, tra cui l’allora giovane pianista Robero Andreoni, oggi importante compositore, il gruppo degli Atman e dal suo ormai inseparabile chitarrista Fabrizio Scheda, con lui già da 4 anni.
Arrangiato da Stefano Dall’Ora (assieme a Marcello Colò nel brano “Favola”) raccoglie canzoni composte da Claudio nei 4/5 anni precedenti, interpretate con una musicalità matura, che le rende a volte struggenti e a volte durissime, ma ripropone anche una bellissima versione con chitarra e fisarmonica della “Ballata dell’amore vero”.
L’album contiene “La strada (è bella la strada)” scritta per l’allora Papa Giovanni Paolo II, la “Canzone degli uomini liberi” dedicata a Lech Walesa e la “Canzone degli occhi e del cuore” dedicata a Pigi Bernareggi, con cui parteciperà al concorso canoro “Un’isola da trovare”, la cui finale si svolgerà al Meeting di Rimini del 1982 e dove arriverà secondo. È stato rieditato su CD con il nome di “Claudio Chieffo – Remastered” assieme ad altri brani.

Canzoni:

  1. La strada
  2. Favola
  3. Ritorno
  4. La porta
  5. Ballata dell'amore vero
  6. Vorrei
  7. Canzone degli uomini liberi
  8. I fiumi
  9. Canzone degli occhi e del cuore